Da Crespi al resto del mondo

A seguito di un laborioso percorso di candidatura, nel giugno del 1994 il Comune di Capriate San Gervasio predispone la documentazione per presentare all’UNESCO la nomination di Crespi d’Adda nella lista del Patrimonio Mondiale.

Il 1-2 ottobre 1994 viene organizzato il convegno internazionale: “Crespi d’Adda: realtà e prospettive”. Durante il convegno, che ha luogo nel grande atrio della storica villa padronale, viene presentata la “nomination”.

Nel gennaio 1994, l’UNESCO, che si avvale della collaborazione di organismi consultivi (ICOMOS, in particolare, per il patrimonio culturale) per verificare se sussistano i criteri per l’iscrizione di un sito nel patrimonio mondiale, invia nel Comune di Capriate San Gervasio un esperto studioso di fama internazionale, che redige un rapporto conclusivo favorevole.

Nel dicembre 1995, il comitato UNESCO, riunito a Berlino, decide di inserire Crespi d’Adda nella lista del patrimonio mondiale