In bici

Su due ruote

Il tratto dell’Adda è ricco di percorsi di grande suggestione. Uno dei modi migliori per godersi ciò che il territorio ha da offrire a livello naturalistico e culturale è la bicicletta.

L’alzaia che corre parallela all’Adda e che collega Lecco a Milano rappresenta un tratto ricco di stimoli naturalistici e culturali.

Lungo il tragitto si incrocia una ampia rete di itinerari e di piste ciclabili che permettono di seguire percorsi con diversi gradi di difficoltà e di perlustrare solo brevi tratti forniti, però, di storie da vivere e conoscere.

I sentieri permettono di passare tra boschi millenari, su colli con scorci incantevoli, angoli dove contemplare lo scorrere placido dell’Adda o fermarsi per visitare castelli o edifici legati al lavoro dell’uomo come filande e centrali idroelettriche.

Il fondo è più che altro sterrato, ma in certi punti è coperto d’asfalto. È necessario l’uso di una mountain bike o di una bici con ruote adatte a sassi e buche. A causa della pioggia o del vento, che piegano gli alberi, è possibile incontrare punti in cui bisogna scendere dal mezzo e proseguire a piedi.

Volendo percorrere tutto il tratto le tappe principali possono essere:

1) Lecco – Ponte Vecchio
2) Brivio
3) Imbersago – traghetto di Leonardo
4) Paderno d’Adda – ponte di ferro
5) Trezzo sull’Adda – Centrale idroelettrica Taccani e castello visconteo
6) Vaprio d’Adda – villa Castelbarco e Casa del Custode delle Acque
7) Cassano d’Adda – dove si lascia l’Adda per il Naviglio
8) Milano

www.saltainsella.it
www.sempreinbici.com
www.piste-ciclabili.com
www.parks.it