Medico

Il medico, come il parroco, è stipendiato dai Crespi. L’integrità fisica è ritenuta necessaria quanto quella morale. Uno dei crucci di Silvio Crespi sono proprio gli infortuni e le malattie che possono minare il rendimento sul lavoro. La figura del dottore è quindi equivalente a quella del parroco, ma orientata a salvaguardare la risorse fisiche.

Infortuni più o meno gravi sono sempre possibili in una giornata lavorativa lunga dodici ore, una settimana di giorno, una settimana di notte, senza riposo in mezzo. Il medico è fondamentale anche per le forme di patologia cronica dovute alle attività in fabbrica.